<<

Minolta MC W.Rokkor - SI 24mm f2.8

 

SCHEDA TECNICA

Angolo di campo: 84°

Schema ottico - luminosità: 9 lenti in 7 gruppi - f2.8 (floating elements design), diaframma a 6 lamelle.

Diametro filtri: 55mm

Minima distanza di messa a fuoco: 30cm

Anno di presentazione: 1973

Nel 1973 Minolta presentò sul mercato il suo primo grandangolare con focale da 24mm: l'MC Rokkor -SI 24/2.8.

Con questo obiettivo Minolta introdusse il nuovo sistema a lenti flottanti, ovvero alcune lenti modificavano la loro posizione reciproca al variare della distanza di ripresa per ottimizzare le prestazioni sia alle medie distanze che all'infinito. La stessa tecnica fu adottata in altri obiettivi della stessa serie (MC Rokkor 17/4, MC Rokkor 21/2.8 ed MC Rokkor 28/2).

Si trattò di un obiettivo dall'elevato rendimento ottico ottimo a partire già dalla piena apertura, specie al centro del fotogramma. La resa ottica migliore, come generalmente accade per queste focali, viene restituita ai diaframmi centrali (5.6-8) dove è stata rilevata una nitidezza e contrasto veramente eccellenti (possiamo anche dire: superlativa !) nella zona centrale ed intermedia del fotogramma. Alle maggiori aperture di diaframma (f2.8 e f4), ai bordi estremi del fotogramma, sono state invece rilevate alcune aberrazioni sferiche e di coma. Molto buona la resa cromatica, la plasticità e la resa "3D", mentre la resistenza al flare è discreta a causa del trattamento antiriflessi dell'epoca (primi anni '70) . La distorsione è molto contenuta, specie con l'uso su diapositiva 35mm. La costruzione meccanica è, ovviamente, impeccabile come per tutte gli altri Rokkor della stessa serie.

L' MC Rokkor SI 24/2.8 fu uno degli obiettivi che Minolta presentò a Leitz nei primi anni 70, insieme ad un altro obiettivo di gran pregio quale l'MC Rokkor 16/2.8 fisheye ed alla reflex XM, che contribuì alla stipula dello storico connubio Leica-Minolta portando alla nascita il Sistema Leica R. Lo stesso schema ottico di questo Rokkor fu adottato da Leitz per il proprio Elmarit R 24mm f2.8 (stesso discorso vale per l'Elmarit R 16mm f2.8 fisheye il cui progetto coincide con quello del Rokkor).

The Leitz Version of the MC Rokkor -SI 24mm made by Minolta "for" Leica.

MC W. Rokkor - SI 24/2.8 @ f8

(EOS 5D, 1/250s, 100iso, Polarizer filter).

MC W. Rokkor - SI 24/2.8 @ f8

(EOS 5D, 1/160s, 100iso, Polarizer filter).

Minolta MD W.Rokkor 24mm f2.8

SCHEDA TECNICA

Angolo di campo: 84°

Schema ottico - luminosità: 9 lenti in 7 gruppi - f2.8 (floating elements design), diaframma a 6 lamelle.

Diametro filtri: 55mm

Minima distanza di messa a fuoco: 30cm

Anno di presentazione: 1978

Obiettivo grandangolare dal rendimento ottico splendido a partire già da f4 (molto buono anche a tutta apertura, in particolare al centro del fotogramma). La resa ottica migliore viene fornita ai diaframmi centrali (5.6-8) dove è in grado di produrre una nitidezza e contrasto eccellenti sull'intero fotogramma (ai bordi è stata tuttavia rilevata una leggera perdità di nitidezza). Distorsione molto contenuta e limitata. Si tratta della versione successiva dell' MC Rokkor - SI 24/2.8. Indubbiamente si tratta di uno dei migliori grandangolari con focale da 24mm prodotti negli anni '70 nonchè uno dei primi ad incorporare elementi ottici flottanti. Obiettivo piuttosto raro sul mercato dell'usato.

The MD W. Rokkor 24/2.8 @ f8

(EOS 20D, 1/160s, 100iso, Polarizer filter).

Click on photo to download the Full JPG file.

The MD W. Rokkor 24/2.8 @ f5.6

(EOS 300D, 1/80s, 100iso, UV filter).

Click on photo to download the Full JPG file.

 

 

Minolta MD 24mm f2.8

SCHEDA TECNICA

Angolo di campo: 84°

Schema ottico - luminosità: 8 lenti in 7 gruppi - f2.8 (floating elements design), diaframma a 6 lamelle.

Diametro filtri: 55mm

Minima distanza di messa a fuoco: 30cm

Anno di presentazione: 1981

Il Minolta MD 24/2.8 venne presentato sul mercato nel 1981 in sostituzione del precedente MD Rokkor 24/2.8.

Nonostante la costruzione meccanica evidenzi come Minolta negli anni '80 iniziò ad introdurre maggiori parti in plastica a scapito delle stesse parti in metallo, le prestazioni ottiche evidenziate su sensore APS-C sono buone, specie ai diaframmi centrali (5.6 - 8- 11), sia al centro che ai bordi del fotogramma. Alle maggiori aperture di diaframma (f2.8 ed f4), invece, le prestazioni sono inferiori a quelle del predecessore MD Rokkor 24/2.8 (specie al centro del fotogramma). Questo leggero calo qualitativo è probabilmente da imputare al ridotto schema ottico che è in questa versione era costituito da 8 elementi in 7 gruppi. La resa cromatica, viceversa, è leggermente migliore causa del trattamento antiriflessi più avanzato. Obiettivo molto compatto e leggero, verrà riproposto anche nella successiva serie AF di Minolta a partire dal 1985 circa.

The Minolta MD 24/2.8 @ f8 (EOS 300D, 1/125s, 100iso, UV filter).

Click on photo to download the Full JPG file.

 

<<

Article, pages and photos are Digitalrokkor - All rights reserved